Qual è il lavoro dei tuoi sogni?

Benissimo! Finalmente sei in ferie!

Ora puoi goderti le tue vacanze, puoi partire, andare al mare, tornare dalla tua famiglia, fare tardi la sera.

Dopo 2 settimane:

Noooo… domani ricomincia il lavoro… come farò a resistere fino alle prossime vacanze?” 🙁

Molte persone non si pongono questo problema solo in prossimità delle vacanze estive o quelle invernali, se lo pongono ad ogni fine settimana.

Ogni venerdì escono dal lavoro e cambiano totalmente personalità, si scatenano più che possono, spendono, fanno le ore piccole, per poi tornare di nuovo al lavoro ogni maledetto lunedì, di malavoglia.

Ecco due filosofie di pensiero:

  1. Accettare apertamente il lavoro, svolgere i compiti assegnati ed aspettare la pensione per potersi godere la vita in modo libero e sereno;
  2. Cercare di anticipare i tempi e creare un lavoro autonomo, che piaccia, senza sbattimenti e creato apposta per te. Praticamente, il lavoro dei sogni di chiunque.

E’ proprio su quest’ultimo punto che voglio concentrarmi oggi, dandoti dei consigli su come poter intraprendere il lavoro dei tuoi sogni e creare delle entrate che ti permettano di vivere lavorando dove vuoi, a quello che vuoi.

Scopri la tua vocazione e alimentala

La famosa frase:

“guadagna con le tue passioni”

per quanto possa ispirare, contiene diversi errori che possono scoraggiarti nella tua impresa.

  1. Le passioni

Per quanto tu possa essere appassionato a determinate materie, non tutti i campi sono fruttiferi. Avere una passione non significa necessariamente che questa passione possa creare valore per gli altri e…

…niente valore, niente guadagno.

In contrapposizione alla parola passione, preferisco usare la parola vocazione.

Con la vocazione, innanzitutto ci si libera dalla struggente sensazione di doversi lacerare, di dover soffrire e patire le pene dell’inferno. La parola passione, infondo, non significa che

sofferenza fisica e spirituale, stato di violenta e persistente emozione,…

ma non si può vivere ogni momento della propria vita in questo stato lacerante, per quanto possa sembrare piacevole, alla lunga ti sfinisce.

La vocazione, invece, consiste in una disposizione d’animo, una chiamata, un invito. Porta alla serenità.

Il lavoro dei tuoi sogni, quello che ti rende orgoglioso e adulto, è formato da quelle azioni che compi spontaneamente e dalle quali altre persone possono trarne giovamento.

Ogni uomo può conoscere la propria vocazione se si abbandona al flow e si libera dai condizionamenti ed essere d’aiuto al mondo ricevendone in cambio dei guadagni.

2. La scoperta

Effettivamente, “scoprire la propria passione” presuppone che lei sia già dentro di te, nascosta da qualche parte, e che tu debba sviscerarti per trovarla.

E se non la trovi? Quante persone ad oggi non sono ancora riuscite a trovare il proprio scopo di vita perché  intente a stanare la passione nascosta nel proprio cuore?

E che dire invece di quelle persone che credono di avere così tante passioni da rimanere bloccate per evitare di scegliere la passione sbagliata?

Per creare il tuo lavoro dei sogni, non devi aspettare che una spinta interna o esterna ti dia la direzione. Basta cogliere il minimo bagliore di passione, o, se ritieni di avere tante passioni, sceglierne una ed incominciare a focalizzarti.

Un prodotto da vendere

La prima cosa da stabilire è: che prodotto vuoi vendere?

Alla fine un lavoro è qualcosa che ti consente di guadagnare per vivere autonomamente.

Quindi, il tuo obiettivo deve essere vendere, ma che cosa?

Puoi vendere un libro, un corso, un prodotto, delle consulenze live, del lavoro manuale, ecc ecc.

Stabilire come vuoi guadagnare è il primo fondamentale, importantissimo passo.

Poi, tutto il tuo lavoro ruoterà intorno al tuo prodotto.

Dovrai crearlo, pubblicizzarlo, venderlo, diventare un professionista esperto del tuo prodotto.

In questo modo, anche il tuo più piccolo interesse può trasformarsi in un lavoro.

Infatti, tanto più approfondirai le tue conoscenze, tanto più alimenterai la tua passione per il campo che hai scelto.

Le passioni non si trovano, si creano. Passo dopo passo e con impegno costante.

Tanto più studierai, parlerai del tuo interesse e tanto più ti identificherai nel tuo lavoro ed un giorno sarai conosciuto come un luminare nel tuo settore.

Ma per arrivare a quel punto c’è bisogno di resistenza. Ci saranno dei momenti in cui sarai scoraggiato, dovrai continuare.

C’è bisogno di focalizzazione. Rimarrai focalizzato sull’aiuto che puoi dare in cambio di una paga, quella sarà la tua attività principale nonostante, quando si intraprende un lavoro autonomo, ci sia bisogno di curare anche gli aspetti tecnici, legali, commerciali, e così via.

Resistenza e focalizzazione, quindi.

Dove trovo il tempo?

Troverai il tempo innanzitutto grazie ad una grande motivazione. Vuoi abbandonare una volta per tutte il lavoro che ti tiene incollato tutto l’anno per 5 o 6 giorni alla settimana? Vuoi decidere tu quando lavorare? Dove lavorare? Chi aiutare?

Un passo alla volta ce la farai a creare il tuo prodotto da vendere, ad appassionarti ad esso, a farlo crescere e promuoverlo. Un giorno, il tuo attuale lavoro sarà un miraggio.

Piano piano il tuo nuovo lavoro occuperà sempre più spazio finché non arriverà il momento di dire addio al tuo vecchio capo.

1 ora al giorno sono 365 ore all’anno. Creare un prodotto in 365 ore si può fare, e lo si riesce anche a vendere, magari nell’anno successivo, o durante il terzo anno. Cosa sono 3 anni di sacrifici quando la posta in gioco è la libertà di vivere la vita dei propri sogni?

2 nemici

Tra tutti i problemi che potrai incontrare, due saranno quelli più tosti da affrontare. Si tratta del perfezionismo e della procrastinazione

  1. il perfezionismo

Non fare l’errore di bloccarti perché trovi che il tuo prodotto non sia perfetto o completo.

Un minuto d’azione vale quanto 1 ora intera di studio. Ok, la proporzione può essere variabile, ma ti assicuro che agire anche a costo di sbagliare e fallire ti farà guadagnare molta più esperienza che leggere un libro in più.

Mettiti alla prova il prima possibile, fai quel fatidico passo al di fuori della tua zona di confort.

2. la procrastinazione

Non arriverà mai il momento adatto finché non sarai tu a decidere. E’ un errore aspettare per compiere il primo passo. Il tempo non aspetta nessuno, il mondo va avanti anche senza di noi e abbiamo una sola vita da vivere. Cos’altro vogliamo aspettare?

Le condizioni migliori non arriveranno mai, anzi, più andremo avanti e più i problemi aumenteranno se non decidiamo finalmente di mettere la parola Fine ad una situazione che non ci gratifica e non ci soddisfa.

 

La ricerca del lavoro dei tuoi sogni fa parte del Percorso Svoltaindie che ho ideato per te, per poterti guidare in un viaggio il cui obiettivo è l’indipendenza nella vita e nel lavoro. Iscriviti per conoscere gratuitamente quali sono le fasi.

Se l’articolo ti è piaciuto, condividilo con chi vuoi o sui social. Se vuoi farmi conoscere il tuo parere, lascia un commento qua sotto.

Ti auguro di trovare la strada giusta.

Con affetto

Marilena

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *